IL COSTO AL km DI UNA VETTURA ELETTRICA È CIRCA 3,5 VOLTE PIÙ CONVENIENTE RISPETTO A QUELLO DI UN DIESEL DELLA STESSA CATEGORIA E DI CIRCA 6 VOLTE PIÙ BASSO DI UN’AUTO  A BENZINA. QUANDO L’ALIMENTAZIONE È COLLEGATA AD UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO, SI PUÒ VIAGGIARE A “COSTO ZERO”, NEL PIENO RISPETTO DELL’AMBIENTE.

Trasporti sostenibiliIl settore dei trasporti ha un consumo di energia elevato. Quasi un terzo dei problemi ambientali in Europa si può attribuire alla mobilità. In Italia il fenomeno raggiunge proporzioni più elevate a causa dell’uso di veicoli endotermici (motore tradizionale) che costituiscono circa il 54% del trasporto di persone. E’ ben evidente quanto questo settore influenzi i ben noti problemi sanitari, specialmente sui bambini (allergie, asma per poi arrivare anche a patologie ben più gravi). L’introduzione di nuove tecnologie possono incidere significativamente nella riduzione delle emissioni.  Tra questi il veicolo elettrico è la migliore risposta.

VEICOLI A CONFRONTO

Per comprendere al meglio questa strada è necessario un confronto. Viene preso un modello elettrico: una C-Zero con caratteristiche collaudate personalmente. Tale mezzo viene paragonato con i suoi simili a motore tradizionale ed ibridi considerando le dimensione, la velocità ricercandole tra le varie case automobilistiche.  La tabella in questa  pagina mostra il risultato della campionatura ove il veicolo elettrico ha un valore misurato su strada. Quello degli altri è standardizzato ovvero preso da valori di banco prova (di solito tali valori sono migliori rispetto al valore su strada). Le ultime due colonne riportano i risultati certamente più significativi. E’ quasi banale sottolineare un vantaggio economico interessante ma ben più significativo quello ambientale.

I VANTAGGI DELL’ELETTRICO

Vogliamo porre in evidenza alcuni risultati pratici della prova su strada. Utilizzando la Citroen C-Zero, come fosse un’auto tradizionale, si possono percorrere 120 km. Questo chilometraggio diminuisce se l’impianto di climatizzazione è attivo, mentre con una guida del veicolo in modalità “ECO” (risparmio energetico) si possono raggiungere i 146 km. Parlando di costi: il veicolo elettrico risulta il più competitivo osservando il costo rapportato al chilometraggio percorso [vedi tabella in questa pagina]. In particolare, per quanto riguarda la spesa sostenuta per 100 chilometri percorsi, il modello elettrico risulta molto vantaggioso con un costo di circa 2,4 euro contro gli 8,8 euro spesi per un’auto alimentata a diesel e i 14,9 euro di un modello benzina. Quando la ricarica viene fatta attraverso l’energia prodotta da un impianto fotovoltaico i costi del chilowattora si possono definire “azzerati”, così come le emissioni di anidride carbonica equivalente.

Dal punto di vista della sostenibilità ambientale è stata quindi dimostrata la bontà del veicolo elettrico specialmente se alimentato da kWh rinnovabile.  Ricordiamo la possibilità di acquisto di energia esclusivamente da fonte rinnovabile attraverso appositi certificazioni chiamati RECs.

Confronto convenienza in ciclo urbano

Confronto convenienza in ciclo urbano