Comunicato stampa ufficiale che potrai trovare sul sito ufficiale www.emob2017.it

Class Onlus; dalle aziende che si occupano della rete di ricarica Enel, A2A e Hera; Itass Assicurazioni e da CobatConsorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, che recupera e ricicla tutte le componenti delle vetture, rendendo doppiamente puliti i veicoli a emissioni zero. A sponsorizzare l’evento sono il gruppo PSA (Peugeot-Citroen), Volkswagen, Renault, Nissan e ABB.

Il fitto programma convegnistico è stato delineato con il supporto del Comitato Scientifico composto da RSE, Elettricità Futura, Asstra, Adiconsum, CEI-CIVES, Amat e Utilitalia.

Si comincia il 18 maggio 2017 con la giornata di apertura, di carattere istituzionale, alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala e del Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti. Si discuterà con il Governo di una piattaforma metropolitana per la mobilità elettrica, con un focus sulle politiche degli enti locali, assieme al Comune di Milano e a esponenti di altri municipi italiani e europei che si sono distinti per le buone pratiche applicate all’e-mobility.

Il giorno successivo, il 19 maggio 2017, è dedicato agli argomenti tecnico-scientifici, con aggiornamenti per le amministrazioni comunali e regionali, partendo dal caso Milano, e seminari sul recupero e sul riutilizzo delle batterie, sulle infrastrutture di ricarica, sulle emissioni e sulle smart city, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri.

Il 20 maggio 2017 sarà completamente dedicato agli automobilisti che hanno già scelto o sono incuriositi dalle vetture a emissioni zero. Le case automobilistiche presenteranno i loro nuovi modelli e ci sarà spazio per dibattiti con il “popolo dell’elettrico”, per raccogliere esperienze, dubbi e difficoltà di chi possiede un’auto elettrica.

L’obiettivo ultimo di e_mob è presentare al Governo la Carta Metropolitana sull’Elettromobilità, sottoscritta da tutti i principali protagonisti della filiera, contenente le linee guida per lo sviluppo della e-mobility in Italia. Si tratta della naturale prosecuzione del percorso iniziato nel 2016 con la sottoscrizione della “Carta di Arese”, un documento di intenti sulla mobilità sostenibile proposto dai quattro sperimentatori della rete di ricarica (Enel, A2A, Hera e Class Onlus) e attualmente al vaglio del Governo.

Contatti:
Gianluca Bertazzoli, Class Onlus
g.bertazzoli@classonlus.it
3357578857