Feb 7, 2018

Parte da Cortina d’Ampezzo l’ambizioso progetto Enel X che prevede l’istallazione di 14.000 colonnine di ricarica pubbliche in tutta Italia (2.500 entro quest’anno). L’impegno per una mobilità elettrica al 100% per Cortina 2021 è stato preso dal neo sindaco Gianpietro Ghedina che ha messo il rispetto dell’ambiente al centro del suo progetto di governo «Assieme ad Audi ed Enel, che creeranno prodotti ed infrastrutture necessarie – ha precisato Ghedina – renderemo la mobilità a zero emissioni locali una realtà già quest’anno con l’installazione di 5 colonnine sulle strade del nostro Comune». Per Susanna Sieff, Responsabile Ambiente Fondazione Cortina 2021, «il progetto rappresenterà un test reale della mobilità elettrica durante un evento ad alto carico entropico in una cornice preziosa come quella del patrimonio Unesco delle Dolomiti».

Da sempre relegata nelle ultime posizioni per quantità e diffusione dei punti ricarica rapida (e non solo), l’Italia trova nel progetto Enel X un sogno diventato realtà, che dovrebbe portare il nostro Paese ai vertici delle classifiche europee e mondiali entro il 2022. «Il problema – confessa Francesco Venturini, responsabile Enel X – è la disponibilità delle oltre 8.600 amministrazioni comunali italiane ad accogliere il nuovo che avanza e rendere il passaggio alla mobilità elettrica più veloce e morbido possibile». Una volta istallate le colonnine nelle località turistiche che maggiormente sentono il bisogno di adeguarsi agli standard che i turisti più evoluti del nord Europa ormai richiedono, bisognerà raggiungere tutti gli angoli della Penisola e non sarà facile convincere i piccoli comuni dove magari le auto non circolano quasi per niente, della necessità di destinare spazi e risorse ad una mobilità al momento ritenuta elitaria.

«Probabilmente i punti di ricarica che installeremo saranno più dei 14.000 previsti – azzarda Venturini– senza contare le centinaia di migliaia di wallbox che saranno messe in funzione presso i privati cittadini che sceglieranno la mobilità elettrica». Enel è infatti il partner strategico scelto da Audi Italia per accompagnare i propri clienti nella mobilità elettrica del terzo millennio. «Chi sceglie un’Audi elettrica – sottolinea Fabrizio Longo, Direttore Generale Audi Italia – non dovrà preoccuparsi di nulla: i tecnici Enel faranno i dovuti rilievi presso l’abitazione del cliente ed installeranno la wallbox più adatta per consentire un uso delle nostre auto elettriche assimilabile il più possibile a quello di una vettura tradizionale, rendendo la mobilità elettrica una realtà senza rinunce».

La nuova Audi e-tron – che debutterà nel secondo semestre di quest’anno – garantirà un’autonomia di oltre 500 km e permetterà quindi una mobilità pressoché totale quando sarà completata anche l’infrastruttura Eva+ (Electric vehicles arteries) che porterà all’installazione di 200 punti di ricarica veloce sulle tratte extraurbane italiane. Il Suv full electric costerà all’incirca come una A7 (da 60.000 €) e porterà in dote anche un nuovo concetto di lusso con la possibilità di attivare alcuni optional e servizi anche dopo l’acquisto. Questo nuovo approccio prevede che tutte le e-tron prodotte avranno le medesime caratteristiche tecniche, ma che non tutte saranno disponibili per i clienti della versione «primo prezzo». Niente panico comunque: tutti gli accessori della versione top di gamma potranno essere «attivati» O.T.A. (Over the air, da remoto via etere) pagando la differenza.

(articolo tratto da www.ilsole24ore.com)