SU FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/adottauncartello/

Pochi lo sanno (o molti se lo scordano), ma dal 1 giugno 2014 è obbligatorio installare un punto di ricarica per ogni complesso commerciale >500mq che viene costruito o ristrutturato (secondo quanto richiesto dalla legge 134/12 Applicazione delle misure per lo sviluppo della mobilità elettrica in ambito urbano Capo IV, art. 17 quinquies, Legge 7 agosto 2012 n. 134).
Purtroppo molti uffici tecnici dei comuni fanno finta di dimenticarsi di tale obbligo ed avvallano progetti invece illegali.
La buona notizia per noi è che tale obbligo è retroattivo (cioè anche a cantiere in corso, ma ovviamente la concessione edilizia deve essere stata rilasciata dopo il 10 giugno 2014) e Greenland Mobility ha deciso di farsi carico di pretendere gli adeguamenti di legge ai comuni che hanno rilasciato il titolo abitativo per la costruzione.

Ecco dunque l’iniziativa #adottauncartello.

adottacartello

Girando per le città lombarde (per ora si parte da una regione, se va bene verrà esteso a tutta la penisola, isole comprese!) se trovare un cantiere, fotografatelo ed inviatelo come foto allegata ad adottauncartello@greenlandmobility.it, (oppure mettendosi in contatto con noi con i soliti canali), noi sonderemo se presso il comune è stato rispettato il regolamento edilizio per questa adempienza!

Si dia il via alle foto!


 

Per i più curiosi, ecco uno stralcio del documento completo (che come sempre vi invito a leggere) con evidenziate le parti più importanti:

(( Art. 17 quinquies Semplificazione dell’attivita’ edilizia e diritto ai punti di ricarica 1. Al comma 2 dell’articolo 4 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, sono premessi i seguenti: «1-ter. Entro il 1º giugno 2014, i comuni adeguano il regolamento di cui al comma 1 prevedendo, con decorrenza dalla medesima data, che ai fini del conseguimento del titolo abilitativo edilizio sia obbligatoriamente prevista, per gli edifici di nuova costruzione ad uso diverso da quello residenziale con superficie utile superiore a 500 metri quadrati e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia, l’installazione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli idonee a permettere la connessione di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box per auto, siano essi pertinenziali o no, in conformita’ alle disposizioni edilizie di dettaglio fissate nel regolamento stesso. 1-quater. Decorso inutilmente il termine di cui al comma 1-ter del presente articolo, le regioni applicano, in relazione ai titoli abilitativi edilizi difformi da quanto ivi previsto, i poteri inibitori e di annullamento stabiliti nelle rispettive leggi regionali o, in difetto di queste ultime, provvedono ai sensi dell’articolo 39. 1-quinquies. Le disposizioni di cui ai commi 1-tere 1-quater non si applicano agli immobili di proprieta’ delle amministrazioni pubbliche». 2. Fatto salvo il regime di cui all’articolo 1102 del codice civile, le opere edilizie per l’installazione delle infrastrutture di ricarica elettrica dei veicoli in edifici in condominio sono approvate dall’assemblea di condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dall’articolo 1136, secondo comma, del codice civile. 3. Nel caso in cui il condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, le deliberazioni di cui al comma 2, il condomino interessato puo’ installare, a proprie spese, i dispositivi di cui al citato comma 2, secondo le modalita’ ivi previste. Resta fermo quanto disposto dagli articoli 1120, secondo comma, e 1121, terzo comma, del codice civile. ))

Riferimenti normativi – Si riporta il testo dell’art. 4 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, come modificato dalla presente legge: «Art. 4 (L) Regolamenti edilizi comunali (legge 17 agosto 1942, n. 1150, art. 33) 1. Il regolamento che i comuni adottano ai sensi dell’art. 2, comma 4, deve contenere la disciplina delle modalita’ costruttive, con particolare riguardo al rispetto delle normative tecnico-estetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e vivibilita’ degli immobili e delle pertinenze degli stessi. 1-bis(abrogato) 1-ter. Entro il 1º giugno 2014, i comuni adeguano il regolamento di cui al comma 1 prevedendo, con decorrenza dalla medesima data, che ai fini del conseguimento del titolo abilitativo edilizio sia obbligatoriamente prevista, per gli edifici di nuova costruzione ad uso diverso da quello residenziale con superficie utile superiore a 500 metri quadrati e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia, l’installazione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli idonee a permettere la connessione di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box per auto, siano essi pertinenziali o no, in conformita’ alle disposizioni edilizie di dettaglio fissate nel regolamento stesso. 1-quater. Decorso inutilmente il termine di cui al comma 1-ter del presente articolo, le regioni applicano, in relazione ai titoli abilitativi edilizi difformi da quanto ivi previsto, i poteri inibitori e di annullamento stabiliti nelle rispettive leggi regionali o, in difetto di queste ultime, provvedono ai sensi dell’art. 39. 1-quinquies. Le disposizioni di cui ai commi 1-tere 1-quater non si applicano agli immobili di proprieta’ delle amministrazioni pubbliche. 2. Nel caso in cui il comune intenda istituire la Commissione edilizia, il regolamento indica gli interventi sottoposti al preventivo parere di tale organo consultivo.». – Si riporta il testo degli artt. 1102, 1120, 1121 e 1136 del codice civile : «Art. 1102 Uso della cosa comune Ciascun partecipante puo’ servirsi della cosa comune, purche’ non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto (1108, 2256). A tal fine puo’ apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa. 2. Il partecipante non puo’ estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso (714, 1164).». «Articolo 1120. Innovazioni 1. I condomini, con la maggioranza indicata dal quinto comma dell’art. 1136, possono disporre tutte le innovazioni dirette al miglioramento o all’uso piu’ comodo o al maggior rendimento delle cose comuni. 2. Sono vietate le innovazioni che possono recare pregiudizio alla stabilita’ o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino (1138).». «Art. 1121 Innovazioni gravose o voluttuarie 1. Qualora l’innovazione importi una spesa molto gravosa o abbia carattere voluttuario rispetto alle particolari condizioni e all’importanza dell’edificio, e consista in opere, impianti o manufatti suscettibili di utilizzazione separata, i condomini che non intendono trarne vantaggio sono esonerati da qualsiasi contributo nella spesa. 2. Se l’utilizzazione separata non e’ possibile, l’innovazione non e’ consentita, salvo che la maggioranza dei condomini che l’ha deliberata o accettata intenda sopportarne integralmente la spesa. 3. Nel caso previsto dal primo comma i condomini e i loro eredi o aventi causa possono tuttavia, in qualunque tempo, partecipare ai vantaggi dell’innovazione, contribuendo nelle spese di esecuzione e di manutenzione dell’opera (1108).». «Art. 1136 Costituzione dell’assemblea e validita’ delle deliberazioni 1. L’assemblea e’ regolarmente costituita con l’intervento di tanti condomini che rappresentino i due terzi del valore dell’intero edificio e i due terzi dei partecipanti al condominio. 2. Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la meta’ del valore dell’edificio (att. 61). 3. Se l’assemblea non puo’ deliberare per mancanza di numero, l’assemblea di seconda convocazione delibera in un giorno successivo a quello della prima e in ogni caso, non oltre dieci giorni dalla medesima; la deliberazione e’ valida se riporta un numero di voti che rappresenti il terzo dei partecipanti al condominio e almeno un terzo del valore dell’edificio. 4. Le deliberazioni che concernono la nomina e la revoca dell’amministratore o le liti attive e passive relative a materie che esorbitano dalle attribuzioni dell’amministratore medesimo, nonche’ le deliberazioni che concernono la ricostruzione dell’edificio o riparazioni straordinarie di notevole entita’ devono essere sempre prese con la maggioranza stabilita dal secondo comma. 5. Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni previste dal primo comma dell’art. 1120 devono essere sempre approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei partecipanti al condominio e i due terzi del valore dell’edificio. 6. L’assemblea non puo’ deliberare, se non consta che tutti i condomini sono stati invitati alla riunione. 7. Delle deliberazioni dell’assemblea si redige processo verbale da trascriversi in un registro tenuto dall’amministratore (att. 67 s.).». (( Capo IV-bis Disposizioni per favorire lo sviluppo della mobilita’ mediante veicoli a basse emissioni complessive ))

(( Art. 17 sexies Disposizioni in materia urbanistica 1. Le infrastrutture, anche private, destinate alla ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica costituiscono opere di urbanizzazione primaria realizzabili in tutto il territorio comunale. 2. Le leggi regionali stabiliscono contenuti, modalita’ e termini temporali tassativi affinche’ gli strumenti urbanistici generali e di programmazione territoriale comunali e sovracomunali siano adeguati con la previsione di uno standard minimo di dotazione di impianti pubblici di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica e in coerenza con il Piano nazionale di cui all’articolo 17-septies. 3. Le leggi regionali prevedono, altresi’, che gli strumenti urbanistici e di programmazione siano adeguati con la previsione di uno standard minimo di dotazione di impianti di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica ad uso collettivo a corredo delle attivita’ commerciali, terziarie e produttive di nuovo insediamento. )) (( Capo IV-bis Disposizioni per favorire lo sviluppo della mobilita’ mediante veicoli a basse emissioni complessive )) (( Art. 17 septies Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica 1. Al fine di garantire in tutto il territorio nazionale i livelli minimi uniformi di accessibilita’ del servizio di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previa deliberazione del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, e’ approvato il Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, di seguito denominato «Piano nazionale». 2. Il Piano nazionale e’ aggiornato entro il 30 giugno di ogni anno, nel rispetto della procedura di cui al comma 1. 3. Il Piano nazionale ha ad oggetto la realizzazione di reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica nonche’ interventi di recupero del patrimonio edilizio finalizzati allo sviluppo delle medesime reti. 4. Il Piano nazionale definisce le linee guida per garantire lo sviluppo unitario del servizio di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica nel territorio nazionale, sulla base di criteri oggettivi che tengono conto dell’effettivo fabbisogno presente nelle diverse realta’ territoriali, valutato sulla base dei concorrenti profili della congestione di traffico veicolare privato, della criticita’ dell’inquinamento atmosferico e dello sviluppo della rete stradale urbana ed extraurbana e di quella autostradale. In particolare, il Piano nazionale prevede: a) l’istituzione di un servizio di ricarica dei veicoli, a partire dalle aree urbane, applicabile nell’ambito del trasporto privato e pubblico e conforme agli omologhi servizi dei Paesi dell’Unione europea, al fine di garantirne l’interoperabilita’ in ambito internazionale; b) l’introduzione di procedure di gestione del servizio di ricarica di cui alla lettera a) basate sulle peculiarita’ e sulle potenzialita’ delle infrastrutture relative ai contatori elettronici, con particolare attenzione: 1) all’assegnazione dei costi di ricarica al cliente che la effettua, identificandolo univocamente; 2) alla predisposizione di un sistema di tariffe differenziate; 3) alla regolamentazione dei tempi e dei modi di ricarica, coniugando le esigenze dei clienti con l’ottimizzazione delle disponibilita’ della rete elettrica, assicurando la realizzazione di una soluzione compatibile con le regole del libero mercato che caratterizzano il settore elettrico; c) l’introduzione di agevolazioni, anche amministrative, in favore dei titolari e dei gestori degli impianti di distribuzione del carburante per l’ammodernamento degli impianti attraverso la realizzazione di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica; d) la realizzazione di programmi integrati di promozione dell’adeguamento tecnologico degli edifici esistenti; e) la promozione della ricerca tecnologica volta alla realizzazione di reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. 5. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti promuove la stipulazione di appositi accordi di programma, approvati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previa deliberazione del CIPE, d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, al fine di concentrare gli interventi previsti dal comma 4 nei singoli contesti territoriali in funzione delle effettive esigenze, promuovendo e valorizzando la partecipazione di soggetti pubblici e privati, ivi comprese le societa’ di distribuzione dell’energia elettrica. Decorsi novanta giorni senza che sia stata raggiunta la predetta intesa, gli accordi di programma possono essere comunque approvati. 6. Per la migliore realizzazione dei programmi integrati di cui al comma 4, lettera d), i comuni e le province possono associarsi ai sensi del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. I programmi integrati sono dichiarati di interesse strategico nazionale e alla loro attuazione si provvede secondo la normativa vigente. 7. I comuni possono accordare l’esonero e le agevolazioni in materia di tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche stabiliti dall’articolo 1, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, in favore dei proprietari di immobili che eseguono interventi diretti all’installazione e all’attivazione di infrastrutture di ricarica elettrica veicolare dei veicoli alimentati ad energia elettrica. 8. Ai fini del finanziamento del Piano nazionale, e’ istituito nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un apposito fondo, con una dotazione pari a 20 milioni di euro per l’anno 2013 e a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015. 9. A valere sulle risorse di cui al comma 8, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti partecipa al cofinanziamento, fino a un massimo del 50 per cento delle spese sostenute per l’acquisto e per l’installazione degli impianti, dei progetti presentati dalle regioni e dagli enti locali relativi allo sviluppo delle reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli nell’ambito degli accordi di programma di cui al comma 5. 10. Ai fini del tempestivo avvio degli interventi prioritari e immediatamente realizzabili, previsti in attuazione del Piano nazionale, parte del fondo di cui al comma 8, per un ammontare pari a 5 milioni di euro per l’anno 2013, e’ destinata alla risoluzione delle piu’ rilevanti esigenze nelle aree urbane ad alta congestione di traffico. Alla ripartizione di tale importo tra le regioni interessate si provvede con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, previo accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. )) Riferimenti normativi – Per l’art. 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 si vedano i riferimenti normativi all’art. 12 bis. – Il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 riguardante il Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 28 settembre 2000, n. 227, supplemento ordinario. – Si riporta il testo dell’art. 1, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449: «Articolo 1. Disposizioni tributarie concernenti interventi di recupero del patrimonio edilizio (omissis) 4. In relazione agli interventi di cui ai commi 1, 2 e 3 i comuni possono deliberare l’esonero dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.».

Newsletter

Classe Onlus

Per poter accedere ai nostri servizi gratuiti sulla mobilità elettrica abbiamo la necessità di conoscerti per offrirti sempre il massimo. Leggi le nostre informative sulla privacy e sul trattamento dei dati personali prima di iscriverti.

Ti sei registrato correttamente. Riceverai una mail di conferma.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: